UNA PALESTRA PER LA MENTE

www.scuoladelvillaggio.it – incontro del 3 novembre 2018

  Donati tempo per vivere il presente con calma serenità e quiete.
Apprezza: illuminazioni, gesti di bontà, incontri graditi, momenti felici
che la strada ogni giorno ti offre.
   Ogni giorno dedica un tempo speciale alla meditazione pacificante; essa educa il carattere alla consapevolezza e al buon governo di te.
“MEDITAZIONE“ prima di essere un esperienza spirituale è educazione del carattere, puoi usare la parola consapevolezza (mindfullness): significa essere consapevoli di quel che pensi, senti e fai qui ora.
 “Posso pensare quello che voglio…nessuno può intromettersi in quel che penso…sono libero di pensare”… Invece con la pratica della consapevolezza puoi distanziarti dal flusso dei pensieri e decidere quali accogliere e quali lasciar andare. Tu diventi ciò che pensi, i pensieri ti modellano, la vita dipende dalle tue interpretazioni, il mondo acquista i tuoi colori.
   Le neuroscienze dicono: i pensieri muovono energia, creano realtà, dispongono i neuroni del cervello e conducono alle azioni corrispondenti. I pensieri positivi attivano gli stessi meccanismi dei farmaci senza inquinare la chimica del corpo. Puoi essere inquinato da informazioni irrilevanti da opinioni superficiali… ti serve la pratica della meditazione consapevole per mettere ordine agli eventi mentali. Porta la mente a casa, fa il pastore dei tuoi pensieri e mettili a riposare con vari metodi: il respiro ampio, lento e profondo, immagini confortevoli, ricordi di eventi gradevoli… è una specie di palestra della mente che ti protegge dalla frammentazione e promuove amicizia coi pensieri che decidi di ospitare…. Il timoniere decide la rotta!
   Quando un messaggio ti illumina, ti parla, ti tocca… scrivilo nel quaderno dei pensieri importanti, scrivendo sulla carta fissalo nella memoria e donalo alle persone che incontri. Un farmacista conserva nel portafogli queste parole:
    “Adesso che ho famiglia, mi accorgo che ho famiglia?
     Adesso che ho amici, mi accorgo che ho amici?
     Adesso che ho salute, mi accorgo di star bene?
     Adesso che sono sereno, mi accorgo di essere sereno?
Potrei non aver famiglia, non avere amici, non aver salute, non essere sereno… lo sguardo di gratitudine mi aiuta ad apprezzare ciò che ho”. Le prove per assenza educano alla gratitudine.
   Puoi fare palestra mentale con la meditazione, con la lettura e scrittura di testi, con la musica e il canto, con movimenti energici e mirati, con parole che generano fiducia, speranza e affetto, con relazioni significative.
Quando la mente è intasata, intrappolata, puoi auto-distanziarti  facendo teatro mentale, con l’umorismo, l’intenzione paradossale, con l’uscita verso zone di conforto.
   Puoi trovare equilibrio nella meditazione e in una sana spiritualità. Le psicologie non bastano…se non c’è un po’ di spiritualità viene avanti l’angoscia della precarietà.
Non c’è vento favorevole alla vela del marinaio che non sa che direzione prendere,
 perciò coltiva la volontà di dar senso alla tua esistenza:
“chi ha un perché per vivere, sopporta quasi ogni come” V. Frankl
 
Simon Goldstein: presenta il suo brevetto “Bussola per il benessere della mente”;
Raffaele Zanella: scambia esperienze sulla medicina delle parole positive.

C’incontreremo al Parco Città, Via Quadri – Vicenza Est, sabato 3 novembre 2018 ore 16. 
Amici del Villaggio e Gabriele Gastaldello tel. 340.3148538 infoscuolavillaggio@gmail.com

Annunci